Frigiliana: il pueblo blanco che mi è entrato nel cuore

il panorama di Frigiliana da Casa del Apero

Frigiliana è un’essenza dal bianco puro. Una bomboniera andalusa incastonata in un piccolo paradiso terrestre che strizza l’occhio alla vicina Africa. 

 

Salendo tra le stradine tortuose di Nerja la intravedi già tra le colline verdeggianti. Un agglomerato di case dal bianco latte, quasi a formare un presepe. 

In Frigiliana rivedi una cartolina di qualche paesino greco. Scorci di paesaggi autentici che ti rimangono impressi nella mente, come una fotografia che ancora dopo 50 anni rimane lì, intatta, nonostante il lento scorrere del tempo.

Perdersi nel suo labirinto significa fare un viaggio indietro nel tempo, durante la dominazione moresca, così lontana e così vicina allo stesso modo. A ricordartela ci sono sempre quei 12 mosaici disseminati per il borgo che raccontano la storia di questo pueblo blanco.

i mosaici storici di Frigiliana

E una volta entrata nel Barribarto (barrio alto) capisci il perché questo piccolo paese andaluso è entrato a far parte del club dei borghi più belli di Spagna.

Una vista surreale. La vista sul mar Mediterraneo, il cielo dal blu intenso e il verde degli alberi che fa da contrasto al bianco abbagliante delle sue case.

vista panoramica di Frigiliana

Frigiliana la ami in tutto. La ami per le sue stradine acciottolate lavate ancora a mano. La ami per l’aria cosmopolita che respiri. La ami per gli asinelli che incontri inaspettatamente. La ami per la sua tenera semplicità, per le viste spettacolari che ti regala e per l’intenso colore fucsia delle bouganville aggrappate sui muri.

gli asini di frigiliana

i vicoli di frigiliana

Ma se sei un’appassionata di fotografia come me, la ami soprattutto per le porticine colorate, dalle sfumature più delicate a quelle più intense. Un arcobaleno di colori che ti regala attimi di felicità anche se solo per qualche minuto.

Leggi anche: Cosa fare a Frigiliana in un giorno

le porticine colorate di Frigiliana

Frigiliana mi è entrata nel cuore, mi ha emozionato.

Non credevo che da un paio di foto viste di sfuggita su Twitter sarebbe nato un amore così veloce ed intenso. Giusto qualche ora per conoscerla, immergermi nella sua atmosfera un po’ bohémienne, scattare una miriade di foto, assaggiare uno dei piatti più buoni della mia vita e poi scappare via su quell’autobus alla volta di Malaga, con già addosso il magone per averla abbandonata troppo presto.

È vero, è stata una conoscenza mordi e fuggi, ma sono sicura che prima o poi ci ritroveremo di nuovo, per riempirmi ancora gli occhi e il cuore del suo candore intenso.

  • Molto bello questo borgo!

    • Ciao Lulu, è vero a me è piaciuto tantissimo e mi piacerebbe anche scoprire tutti gli altri borghi, un po’ come faccio anche qui in Calabria.

  • Che belle le tue descrizioni, Luigina. Dovessi tornare in Spagna, visiterò senz’altro questo posto!

    • Grazie Eliana, sì se vai da quelle parti ti consiglio di visitarla, ha un fascino tutto suo e un’autenticità pazzesca, peccato esserci stata solo per un paio di ore.