struttura ricettiva-crisi coronavirus

Il Coronavirus ha mandato in tilt l’economia ed in particolare il settore turistico. Ci troviamo di fronte ad una situazione difficile che nessuno di noi immaginava. Non sappiamo bene quando ci sarà un allentamento delle restrizioni e quindi la ripresa. Quello che è sicuro è che i turisti saranno per lo più italiani con pochi giorni di vacanza a disposizione ma con una grande voglia di godersi le vacanze, visto le settimane di clausura.

Ma cosa possiamo fare in questo periodo? Quali sono gli errori e le strategie da seguire per te che gestisci un hotel, un b&b o un agriturismo? Te li spiego in questo post!

ERRORI DA EVITARE

1 – SPARIRE DAI SOCIAL

Lo so perfettamente, non è facile comunicare sui social in questo periodo: non sai cosa scrivere né che tono usare ma ricordiamoci che sia Facebook che Instagram sono degli strumenti che ci permettono di rimanere in contatto con la nostra community, oggi più che mai, visto che le persone essendo a casa sono più presenti on line.

Abbandonare a se stessi i profili significa allontanare tutti coloro che fino a poco tempo fa ci seguivano, perdendo così quella reputazione che abbiamo costruito con grande fatica.

2 – CREARE CAMPAGNE PROMOZIONALI

L’altro errore da evitare in questo periodo delicato è quello di creare delle campagne pubblicitarie sui social, con il rischio di urtare la sensibilità di milioni di italiani costretti a stare chiusi in casa. Piuttosto, puoi usare il budget per creare ad esempio una mini guida in pdf sulla tua destinazione, un po’ come ho fatto io con la guida della Calabria

STRATEGIE DA METTERE IN ATTO

1 – RIVEDI IL PIANO EDITORIALE SUI SOCIAL

Il piano editoriale è quel prezioso documento che ti dice cosa devi pubblicare sui vari canali in base agli obiettivi che ti sei prefissato.

In questo periodo non puoi comunicare con gli stessi messaggi e il tono magari spiritoso che avevi fino a due mesi fa ma devi cercare di essere empatico con i tuoi follower. Punta sui contenuti di valore: racconta le bellezze del territorio e invita la community a condividere con te i ricordi delle vacanze trascorse presso la tua struttura ricettiva.

2 – INSTALLA IL PIXEL DI FACEBOOK

Il pixel di Facebook è uno degli strumenti più potenti che ci siano a livello di tracciamento. È un codice html da installare sul sito web che monitora le visite e registra le azioni degli utenti.

In parole povere puoi creare delle campagne promozionali e indirizzarle a quel pubblico che ad esempio visita il portale, interagisce con la tua pagina Facebook o Instagram oppure mostra un interesse speciale verso una tua offerta.

Installalo subito e inizia a tracciare le visite degli utenti per poi sfruttarlo quando questa emergenza sarà finita. Se non sai come fare scrivimi!

3 – SEGUI UN CORSO DI FORMAZIONE

Se hai un po’ di tempo libero puoi seguire quel corso di formazione che hai acquistato mesi fa e che tra una cosa e l’altra non hai avuto la possibilità di terminare.

Se ad esempio vuoi migliorare la visibilità del tuo sito web io ho creato Punta Stilo, un corso SEO online gratuito che ti fa entrare in confidenza con il magico mondo della SEO. È un percorso via mail di 7 giorni che ti aiuta a migliorare il posizionamento del portale su Google, incrementare il traffico e di conseguenza le prenotazioni.

4 – USA IL DATABASE DI EMAIL

L’email marketing è uno degli strumenti più sottovalutati da chi gestisce una struttura ricettiva: ti aiuta ad incrementare le prenotazioni dirette e a stabilire un rapporto di fiducia con i tuoi clienti.

In questo momento di stasi conserva gli indirizzi email di chi ha disdetto la prenotazione per poi ricontattarli in futuro quando l’economia ripartirà. Oppure puoi pensare di creare degli itinerari ad hoc in pdf per ogni target e inviarli tramite la newsletter.

Come software ti consiglio di usare MailerLite: è semplice, intuitivo ed offre un piano gratuito fino a 1.000 iscritti.

5 – CHIEDI AIUTO

So che non è facile affrontare da soli questo periodo di incertezza economica. Se non te la senti chiedi aiuto ad un professionista che magari può aiutarti nella tua comunicazione.

Io ho creato un gruppo Facebook, un punto di riferimento per le strutture ricettive dove chiedere consigli, supportarsi e crescere insieme. Uno spazio virtuale dove imparare a sfruttare le potenzialità del web marketing e dei suoi strumenti per promuovere la tua azienda e acquisire nuovi clienti.

Vuoi far parte anche tu di questo gruppo? Iscriviti subito cliccando sul bottone qui sotto!

6 – LAVORA SULLA SEO

Approfitta di questa pausa per migliorare la visibilità del tuo sito web e creare dei contenuti di valore sul blog che riescano a rintracciare i bisogni dei tuoi potenziali clienti. Fai un’analisi delle parole chiave di tuo interesse e poi passa all’ottimizzazione SEO del sito.

Questo strumento di aiuta a farti trovare da chi ha bisogno dei tuoi servizi, da chi sta cercando un hotel, un b&b o un agriturismo o semplicemente informazioni sul territorio.  Se non sei sulla prima pagina di Google è come se non esistessi, quindi comprendi perfettamente che stai perdendo una grande fetta di mercato se non fai SEO attraverso il portale.

7 – MONITORA GOOGLE TREND

Google Trend è un tool gratuito di Google che identifica i termini e le informazioni più cercate su internet in un determinato periodo o in una specifica area geografica. Esso ti permette di verificare in modo semplice e veloce se c’è domanda in tempo reale.

8 – RIFLETTI SUL TUO RAPPORTO CON LE OTA

Se c’è una cosa che hai capito da questa crisi è che il tuo rapporto con le OTA è cambiato. Di sicuro Booking rimane sempre il primo punto di contatto con una struttura ricettiva ma visto che ha cancellato le prenotazioni senza neanche consultarti dovresti riflettere su quello che è successo. Non puoi affidare il marketing della tua struttura ad una piattaforma che ha sempre pensato ai suoi interessi e che in questo momento così particolare ti ha voltato le spalle.

È il caso di iniziare a pensare un po’ di più a te stesso e mettere in atto una strategia di web marketing che comprenda la realizzazione di un sito web, l’ottimizzazione SEO e l’uso di un canale di email marketing. Tutti strumenti che ti permettono di avere il pieno controllo e di non essere soggetto agli algoritmi dei social che diminuiscono la visibilità dei tuoi contenuti. Sei tu a decidere come e quando comunicare e i risultati delle azioni che metti in atto dipendono solo da te.

Spero che questo articolo ti sia stato utile. Se hai qualche domanda ti aspetto qui sotto nei commenti!

0 commenti

Domande? Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.