lavanda in calabria

Immaginavi di trovare un campo di lavanda in Calabria? Credo proprio di no! La Provenza è di sicuro la meta più gettonata in Europa ma anche qui nel profondo sud dell’Italia abbiamo una piccola oasi viola che brulica di farfalle coloratissime. Si trova a Campotenese, una piccola località immersa tra le vette più alte del Parco Nazionale del Pollino, l’area naturalistica più grande d’Italia e Geoparco Unesco.

L’ho scoperta durante un’uscita fotografica a Morano Calabro e da quando i miei occhi hanno puntato quella brochure color lilla non vedevo l’ora di essere lì, inebriarmi di quell’intenso profumo di lavanda e scattare un sacco di foto.

LA STORIA DELL’UNICO PARCO DI LAVANDA IN CALABRIA

campo di lavanda in calabria

 

Il Parco della Lavanda si trova a due passi da Morano Calabro, uno dei borghi più belli d’Italia: un angolo magico di tre ettari dove tutto si tinge di viola, dalla carriola all’ingresso fino alle staccionate del giardino botanico. Una bellissima realtà guidata da Selene Rocco che nel 2007, con il supporto della famiglia, avvia un progetto di rinascita della lavanda selvatica del Pollino che con le opere di rimboschimento rischiava di scomparire.

Grazie ad alcune testimonianze fotografiche si scopre che fino alla metà degli anni ’50 la lavorazione della lavanda era alla base dell’economia di Campotenese. Infatti veniva raccolta con la falce e poi in parte distillata e in parte venduta alle industrie farmaceutiche e di cosmetici, tra cui la ditta Carlo Erba di Genova e la Linetti, l’azienda veneziana famosa per la sua brillantina.

Il progetto di Selene prende vita grazie al ritrovamento casuale della “Loricanda”, un nome che si ispira al pino loricato, l’albero monumentale simbolo del Parco Nazionale.

Grazie alla collaborazione dell’Istituto IBIMET del CNR di Bologna Selene sco­pre che si trat­ta di una la­van­da en­de­mi­ca del Pollino che i bo­ta­ni­ci de­fi­ni­sco­no la­van­da Py­re­nai­ca o an­gu­sti­fo­lia, una specie che cresce spontanea tra i 900 e i 1.700 metri di altezza con proprietà antibatteriche e antimicotiche eccezionali. Decide così di avviare la riproduzione in vitro delle piantine selezionate per poi coltivarle nei terreni di famiglia.

giardino botanico campo di lavanda in calabria

Giardino delle lavande

Nel Parco della Lavanda, oltre a sbizzarrirti con le foto, puoi assistere alla distillazione o fare un giro al Giardino delle lavande, un orto botanico con circa 70 varietà recuperate da Selene in giro per l’Europa. Un mix di colori che va dal bianco alle tantissime sfumature di viola, a cui si aggiunge il profumo di piante aromatiche come timo, salvia e menta piperita.

Prima di lasciare questa piccola oasi del Pollino puoi acquistare alcuni prodotti, tra cui lo sgranato da usare per la profumazione dei cassetti o per la preparazione di tisane calmanti, candele, saponette, sali da bagno e olio essenziale.

Ora goditi la magia dell’unico campo di lavanda in Calabria!

INFORMAZIONI PRATICHE SUL PARCO DELLA LAVANDA

Per visitare l’unico campo di lavanda esistente in Calabria prendi l’Autostrada A2 del Mediterraneo, esci a Campotenese e poi prosegui per circa 1 km.

Il momento ideale per andarci sono le prime due settimane di luglio anche se il periodo di fioritura va da fine giugno fino al 10 agosto. Per stare tranquilla comunque ti consiglio di contattare telefonicamente il Parco della Lavanda.

Tel.328 009 8630 – Sito web: parcodellalavanda.it

Orari di apertura: dal lunedì alla domenica dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 20.00

Ingresso gratuito

COSA FARE E VEDERE NEI DINTORNI DEL PARCO DELLA LAVANDA

Stai organizzando un viaggio in Calabria?

Dai un'occhiata alla mia guida in pdf!

Scopri di più

0 commenti

Domande? Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.