la mia calabria amazon

“Fai vedere al tuo sogno che veramente ci tieni ad incontrarlo, senza pretendere che lui faccia tutta la strada da solo per arrivare fino a te, poi le cose accadono. I sogni hanno bisogno di sapere che siamo coraggiosi”.

Fabio Volo

Mercoledì 25 settembre: giornata mondiale dei sogni. Dei sogni che tiri fuori dal cassetto e si realizzano se lavori duramente per raggiungerli.

Sono qui nella mia stanza, ho appena ritirato un pacco speciale da parte di Amazon: è la mia guida della Calabria, la versione definitiva. La poggio sulla scrivania e la osservo. Sulla copertina c’è Pietra Cappa, il posto di cui mi sono innamorata proprio lo scorso anno a settembre. Svetta lì, fiera e orgogliosa di essere il monolite più alto d’Europa con i suoi 140 metri, regalando ai fortunati che hanno modo di giungere ai suoi piedi le sue facce buffe.

Vado avanti e mi soffermo sulla pagina dei ringraziamenti. Leggo e piango come una bambina, non mi succedeva da tempo. Emozioni che ho tenuto dentro per mesi; la mia testa era troppo impegnata per pensare a queste cose, dovevo finire, sistemare le foto e revisionare tutto. 

Asciugo le lacrime e proseguo. Sfoglio le varie pagine, leggo e osservo le immagini. Ancora non mi sembra vero di aver fatto tutto questo, completamente da sola, in un periodo in cui sto imparando a prendermi cura di me e a lasciar perdere un rapporto perché non ho più voglia di combattere.

Ho davanti a me un mio libro. Sì, un libro per cui ho lavorato a testa bassa per oltre sei mesi, rinunciando alle mie passioni, alle serate con gli amici e ai weekend. Io, il mio mac e nessun altro.

Ho deciso di intitolarlo “La mia Calabria, viaggio no stop nel profondo Sudper un semplice motivo. La mia non è una guida statica che scrivi una volta e poi non ci pensi più. Sarà aggiornata periodicamente per aggiungere altri tesori che scoprirò strada facendo, almeno fino a quando le forze me lo permetteranno.

Durante la lettura imparerai a conoscere la mia terra, attraverso i miei occhi. Quelli che si sono illuminati davanti al paesaggio lunare dei calanchi di Palizzi, dei tramonti di Fiumefreddo Bruzio oppure davanti ai quadri inaspettati del foliage in Sila. Ma la scoprirai anche attraverso le mie gambe che hanno macinato e macineranno km e km in Aspromonte, nelle Serre vibonesi o sul Pollino dove hanno hanno iniziato a tremare davanti all’imponenza della Timpa del Demanio. 

Scoprirai i posti più belli e sconosciuti, quelli di cui non ti racconteranno mai le classiche guide in circolazione. Conoscerai persone che stanno cambiando il destino di questa Calabria. Giovani e meno giovani che sono rientrati nella loro terra per inseguire i loro sogni e ce l’hanno fatta. Sì, si sono rimboccate le maniche senza aspettare i fondi della regione, hanno sudato, faticato e ora accolgono turisti da tutto il mondo, gli fanno conoscere l’affascinante mondo della seta e li fanno divertire raccogliendo more di gelso.

La mia Calabria è il risultato di tre anni di esperienze su e giù per la mia terra, vissute con l’animo curioso che si è risvegliato nel 2016 dopo un viaggio che mi ha rivoluzionato la vita. Un viaggio in solitaria di 67 giorni a Tenerife, scelto e voluto perchè avevo perso i miei punti di riferimento. Ho comprato un biglietto di sola andata, rinchiuso la mia vita in due trolley e sono partita con l’intenzione di trasferirmi, rompere con il passato e iniziare una nuova fase.

Per più di due mesi sono andata alla ricerca di me stessa, mettendomi alla prova ogni singolo giorno, parlando due lingue che conoscevo a malapena, mangiando da sola e affrontando un sentiero di quasi 13 km.

Un viaggio segnato dal destino, come se ogni persona conosciuta avesse il preciso compito di riportarmi a casa, e così è stato.

Ci tenevo a raccontarti questo pezzo della mia vita perchè se non fosse stato per quel viaggio credo che ora non sarei qui a raccontarti di questo libro e del mio amore per la mia Calabria.

E lo dedico a chi crede in me, a chi mi sostiene ogni giorno, a chi mi manda messaggi di incoraggiamento, a chi mi chiede consigli, a chi crede veramente nella rinascita di questa terra, a chi mi guida nelle nuove scoperte, a tutti i miei lettori, perché senza di loro non sarebbe mai nato.

E poi sì, lo dedico a me. A me che sono perfezionista, a me che ho spesso l’autostima sotto terra. A me che rompo le scatole a chi deve fare bene il proprio lavoro, a me che non amo i selfie e forse sono poco social. A me che vado sempre controcorrente, a me che odio i centri commerciali. A me che voglio esplorare questa Calabria che non mi aspetto, che mi sorprende, che mi lascia in silenzio. A me che sono felice di aver trovato il mio posto nel mondo. 

Ora per una volta posso dirlo. Ho scritto un libro e ne sono orgogliosa!

La mia Calabria, Viaggio no stop nel profondo Sud è disponibile sia in formato pdf che cartaceo su Amazon. Qui puoi leggere tutte le recensioni di coloro che l’hanno acquistata.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.