ottimizzazione seo on page

Per creare un sito web di successo che ti porti contatti e prenotazioni devi ottimizzarlo in ottica SEO. Questo è l’unico modo per intercettare in modo organico i tuoi potenziali clienti.

In questo post ti ho già accennato quali sono i primi step da fare se vuoi approcciarti a questo mondo un po’ da smanettoni secondo alcuni e stimolante per altri, come lo è per me.

Oggi ti parlo di come si fa l’ottimizzazione SEO on page e quali elementi devi prendere in considerazione per costruire una pagina performante per Google.

CHE COS’É LA SEO ON PAGE

Fare SEO non significa solo cercare le parole chiave e inserirle un po’ dove capita sulle pagine. Fare SEO significa partire dal processo di acquisto del cliente, analizzare le keyword e misurarle, organizzare i contenuti del sito web e poi procedere all’ottimizzazione SEO on page.

Questo termine, come puoi immaginare, fa riferimento al miglioramento di tutti quegli elementi SEO della pagina, dal tag title, all’url, alla meta description, fino ad arrivare al contenuto, alle keyword e ai link interni. Lo so che ti sembrano dei paroloni ma ora te li spiegherò passo passo in modo semplice.

COME FARE L’OTTIMIZZAZIONE SEO ON PAGE SU WORDPRESS

Per avere più chance di posizionare il tuo sito web, la piattaforma che ti consiglio di usare è WordPress, realizzata con codici che seguono le linee guida fornite da Google e facilmente accessibili da parte dei motori di ricerca.

Per ottimizzare in ottica SEO il contenuto della pagina ti consiglio di:

1) INSTALLARE IL PLUGIN YOAST SEO.

Questo è uno dei plugin più usati per migliorare il posizionamento, sia degli articoli che delle singole pagine.

Il box di Yoast SEO si trova al di sotto dell’editor di WordPress. C’è uno specifico campo dove inserire la parola chiave, un’anteprima di come apparirà il post o la pagina su Google, sia sul dispositivo mobile che sul desktop e infine c’è una sezione relativa all’analisi SEO con tanti consigli utili su ciò che può essere migliorato.

Attenzione a non fissarti con il colore del semaforo che segnala se un articolo è stato ottimizzato correttamente: verde (è stato ottimizzato), arancione (così così), rosso (non è ottimizzato). Questo tool rimane sempre e comunque una macchina che va ad individuare se le parole che hai inserito come keyword appaiono nella pagina e in che punti e alla fine ti dà un voto. Yoast Seo non valuta però se quelle keyword sono ricercate dalle persone e se è facile posizionarle perché hanno un basso livello di competitività. Questo è un lavoro che devi fare tu molto prima di iniziare a progettare il tuo sito e a scrivere sul blog. Lo puoi fare attraverso tool gratuiti come ad esempio Ubersuggest o a pagamento come Seozoom.

2) SCRIVERE DEI CONTENUTI DI QUALITÁ E NON PENSARE SOLO ALLE KEYWORD

Come disse nel 1966 Bill Gates “Content is the king”, cioè il contenuto è il re. Scrivere contenuti interessanti per il tuo pubblico è il primo requisito per essere premiato da Google e apparire tra i primi risultati del motore di ricerca.

Il tuo primo pensiero non deve essere quello di infarcire i tuoi contenuti della parola chiave per cui ti vuoi posizionare ma di risolvere un problema o un bisogno e rispondere in modo approfondito e originale ad una chiara esigenza del tuo visitatore.

Google è una sorta di investigatore privato: sa quando gli utenti cliccano ripetutamente su un link oppure quando ci cliccano e poi tornano indietro. Quell’azione, che per te potrebbe sembrare banale, ha un significato molto chiaro: il visitatore non ha trovato utile ciò che hai scritto e quindi torna sulla serp per cercare un’alternativa valida. Il risultato di questo comportamento è che Google non ritiene valido il tuo sito e quindi gli assegna un punteggio basso proprio perché non ha risposto alle domande dell’utente.

3) PERSONALIZZARE IL TAG TITLE

ottimizzazione seo on page-tag title

Il tag title è l’elemento più importante su cui ti giochi la competizione sulle serp, ossia sui risultati che compaiono su Google. In parole povere è il titolo che compare sui motori di ricerca. Per essere interamente visibile deve avere una lunghezza massima di 55-60 caratteri, spazi inclusi.

4) INSERIRE LA METADESCRIPTION

ottimizzazione seo on page-meta description

La metadescription o snippet è la frase che compare sotto il tag title: deve essere accattivante e spingere l’utente a cliccare su quel risultato. Questa stringa di testo devi inserirla tu manualmente nell’apposito spazio e deve rispettare una lunghezza dai 150 ai 160 caratteri. Ad ogni modo, il plugin Yoast SEO ti avvisa quando hai superato il limite.

5) OTTIMIZZARE LE IMMAGINI

Le foto sono un altro elemento fondamentale su cui devi lavorare per migliorare l’ottimizzazione SEO on page e raggiungere la prima vetta di Google. Ti suggerisco di:

a) usare un tool gratuito per ridimensionarle e comprimerle per renderle leggere e non sovraccaricare il sito web. Io ad esempio uso Photoshop che ha la funzione molto utile di “Salva per il web”.

b) rinominare le immagini inserendo la parola chiave

c) inserire l’Alt text, ossia il testo di descrizione dell’immagine contenente le parole chiave.

6) AGGIUNGERE LINK INTERNI

Aggiungere dei link all’interno del testo può permettere al visitatore di approfondire degli argomenti sviluppati in altre pagine oppure di scoprire altre sezioni del sito, aumentando così il tempo di permanenza.

Se vuoi approfondire ti consiglio di leggere questi post:

Hai qualche domanda sull’ottimizzazione SEO on page? Scrivimi qui sotto nei commenti!

2 commenti
  1. Aurora
    Aurora dice:

    Ciao Luigina, ti ricordi di me? Sono Eosdiscovery, quella che pasticcia con la SEO 🙂
    Volevo chiederti una cosa riguardo al Yoast Seo. Non riesco a scaricare il plugin perchè mi dice che è incompatibile con la versione di wordpress. E mi dice Il plugin non può essere attivato perché genera un errore fatale. Tu cosa mi consigli? sai se esite un servizio di assistenza?

    Rispondi
    • Luigina
      Luigina dice:

      Ciao Aurora,
      certo che sì 😄
      Allora la prima cosa che dovresti fare visto che ti dà quel messaggio è aggiornare WordPress. Se continui ad avere problemi puoi visitare il sito per avere assistenza https://yoast.com/
      Fammi sapere se riesci a risolvere.
      Luigina

      Rispondi

Domande? Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.