parco archeologico archeoderi bova marina

Tutte le volte che prendo la mitica littorina anni ’50 per spostarmi sulla costa ionica so che mi aspetta una destinazione speciale. Questa volta ad attendermi dopo dure ore di treno e una passeggiata di 3 km sotto il sole cocente di luglio c’era il Parco Archeologico Archeoderi di Bova Marina. Un gioiello dimenticato da tutti che sorge intorno ai resti di una sinagoga del IV sec. d.C., la seconda più importante in Occidente dopo quella di Ostia Antica.

In questo luogo immerso tra la vista mozzafiato delle acque turchesi di una delle spiagge più belle della Calabria e il selvaggio Aspromonte è stato celebrato a giugno scorso un matrimonio in perfetto stile ebraico.

LA STORIA DEL PARCO ARCHEOLOGICO ARCHEODERI

Il sito, compreso tra la fiumara Amendolea e la Vallata di San Pasquale, è stato scoperto negli anni ’80 durante i lavori di ammodernamento della strada 106 ionica.

Quest’area, di circa 3 ettari, in età greca apparteneva alla colonia calcidese di Rhegion, l’attuale Reggio Calabria, e confinava a nord con la città di Locri Epizefiri. Le scoperte rinvenute nel parco ne confermano la frequentazione anche in epoca romana. Secondo alcune ipotesi questa zona rappresentava la statio (luogo di sosta per viaggiatori e cavalli) di Scyle illustrata nella Tabula Peutingeriana, una carta stradale di epoca romana.

La Tabula, conservata a Vienna presso la Biblioteca Nazionale, prende il nome dal cancelliere di Ausburg Konrad Peutinger che la ottenne nel 1507 da Konrad Celtes, grande umanista e bibliotecario dell’Imperatore Massimiliano I.

Leggi anche> La città di Locri Epizefiri: il cuore della Magna Grecia

tabula peutingeriana parco archeologico archeoderi

Tabula Peutingeriana

LA SINAGOGA

Nel 1983 durante i lavori di costruzione di un nuovo tratto della SS106 la Soprintendenza ha identificato i resti di una sinagoga orientata ad est e caratterizzata da due fasi di costruzione, di una struttura costituita da più ambienti di servizio e di due piccole necropoli.

La presenza di una comunità ebraica a Bova Marina si inserisce all’interno degli insediamenti della diaspora testimoniati nel corso del IV-VI secolo d.C. a Reggio Calabria e Lazzaro. Dal ritrovamento  di un’ansa di anfora con impresso il simbolo della menorah si pensa che la sinagoga non avesse solo una funzione religiosa ma anche un ruolo di produzione e commercializzazione di cibi kosher, preparati secondo le regole ebraiche.

IL MOSAICO DELL’AULA DELLA PREGHIERA

mosaico parco archeologico archeoderi

 

 

Una volta finita la visita al Parco ti aspettano all’interno dell’Antiquarium i resti del mosaico pavimentale dell’Aula della preghiera raffigurante i più importanti simboli ebraici: la Menorah (candelabro a sette bracci), il cedro, il ramo di palma, il corno d’ariete e il nodo di Salomone.

Le decorazioni sono molto simili ai mosaici delle ville romane di Piazza Armerina e Casignana.

Leggi anche > Villa Romana di Casignana: la Piazza Armerina della Calabria

L’ANTIQUARIUM DEL PARCO ARCHEOLOGICO ARCHEODERI

reperti parco archeologico archeoderi bova

 

L’Antiquarium ospita tutti i reperti ritrovati nell’area archeologica e in quelle circostanti, tra cui San Salvatore, Amigdala, Umbro e Crisafi.

Tra i più interessanti ci sono una statuetta femminile in ceramica ritrovata in località Penitenzeria identificabile con una divinità legata alla fecondità della terra e della donna, un tesoretto di 3079 monete in bronzo databili tra la metà del IV e il V sec. d.C. e dei porta stoppini del candelabro ebraico.

Da non dimenticare il cippo miliare in calcare ritrovato nel 1913 in contrada Amigdalà dell’età di Massenzio (307-312 d.C.), riutilizzato capovolto all’epoca degli imperatori Valentiniano e Valente.

INFORMAZIONI PRATICHE: ORARI E CONTATTI 

Il Parco Archeologico Archeoderi di Bova si trova in località San Pasquale a Bova Marina, lungo la strada statale 106 Jonica.

Dopo la chiusura temporanea dovuto al covid19, al momento è aperto solo nei giorni di mercoledì e sabato dalle ore 9.00 alle 17.00. L’ingresso è gratuito. Per prenotare una visita guidata contatta la Cooperativa Clevers: tel. 344 0300673.

Per gli aggiornamenti sugli orari di apertura ti consiglio di consultare la pagina del Mibact.

COSA VEDERE NEI DINTORNI DEL PARCO ARCHEOLOGICO ARCHEODERI

  • la magnifica vista dal promontorio di Capo San Giovanni D’Avalos, chiamato anche “Rocca del Capo”, con la torre saracena e l’imponente statua della Madonna del Mare realizzata dallo scultore Celestino Petrone;
  • Il borgo di Bova, capitale dei greci di Calabria ed inserito nel Club dei Borghi più Belli d’Italia. Da non perdere il museo della lingua greco-calabra dedicato al glottologo tedesco Gerarh Rohlfs;
  • gli altri borghi dell’area ellenofona come Gallicianò, Roghudi Vecchio e Roccaforte del Greco;
  • l’ex borgo fantasma di Pentedattilo con le sue casette abbarbicate sotto il Monte Calvario;
  • Reggio Calabria con il suo bellissimo lungomare e i Bronzi di Riace custoditi nel Museo Nazionale;
  • Brancaleone con la stanza del confino di Cesare Pavese, il museo del mare e il borgo di Brancaleone Vetus;
  • la Villa Romana di Casignana;
  • sempre lungo la SS106, in meno di 1 ora puoi raggiungere la Vallata dello Stilaro con i suoi tesori bizantini: la Cattolica di Stilo, il monastero ortodosso di San Giovanni Theristis a Bivongi, la cascata del Marmarico e l’affascinante santuario di Monte Stella di Pazzano.

Conoscevi questo tesoro archeologico del Parco Archeoderi di Bova Marina? Ti aspetto qui sotto nei commenti!

Stai organizzando un viaggio in Calabria?

Dai un'occhiata alla mia guida in pdf!

Scopri di più

0 commenti

Domande? Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.