scrittura in chiave seo

Se mi segui da un po’ di tempo sai che scrivere regolarmente sul blog degli articoli in ottica SEO è una delle strategie più efficaci per far conoscere la tua struttura ricettiva, il territorio ma soprattutto posizionarti su Google.

Oggi ti spiegherò che cos’è il SEO copywriting e quali sono le fasi di scrittura in chiave SEO che seguo ormai da quattro anni.

Che cos’è il SEO copywriting e perché è importante

Il SEO copywriting è una tecnica di scrittura per il web che risponde alle domande e ai bisogni degli utenti attraverso la creazione di testi che si posizionano ai primi posti sui motori di ricerca.

Se vuoi essere intercettata in modo naturale su Google dalle persone che stanno cercando un alloggio nella tua destinazione o informazioni sui punti di interesse questo è l’unico modo.

Grazie alla visibilità dei tuoi contenuti riuscirai ad avere un traffico profilato ma soprattutto un incremento delle prenotazioni.

Cosa fare prima di scrivere un articolo in ottica SEO

Prima di scrivere un post ottimizzato per i motori di ricerca devi seguire una serie di step:

  • ricerca e studio delle parole chiave. La scelta delle keyword è uno dei passaggi più delicati della SEO perché è quello che determina il successo o meno del posizionamento su Google. Quando scrivi un articolo sul blog devi concentrarti sui termini che hanno un intento di ricerca informativo, cioè quelli che rispondono ad una precisa domanda. Ad esempio se gestisci una struttura ricettiva nel Pollino potresti scrivere un post che risponde a questi quesiti: “cosa vedere nel pollino” oppure “percorsi di trekking pollino”.
    Per selezionare le keyword giuste dai un’occhiata a questo articolo:

SEO: come scegliere le parole chiave

  • Elaborazione piano editoriale e calendario editoriale. Questi sono due strumenti senza i quali non puoi lavorare. Il piano ti dice in concreto cosa pubblicare mentre il calendario quando. Ne ho parlato meglio in questo post:

Aprire un blog: perchè è importante per il settore turistico 

  • Analisi della serp. Leggere i contenuti della pagina dei risultati di ricerca ti aiuta a capire perché quel sito web si è posizionato su Google. Una volta fatto questo appuntati anche le ricerche correlate che vedi in fondo: puoi usarle per ampliare il tuo articolo e formattarle come tag h2.

Come scrivere un articolo ottimizzato SEO

Scrivere un articolo in chiave SEO non è una cosa semplicissima soprattutto se sei all’inizio perché devi studiare e fare tanta pratica.
Ecco i miei suggerimenti!

Punta alla qualità dei contenuti

Fino a tanti anni fa chi voleva migliorare la visibilità su Google imbottiva i contenuti di parole chiave rendendoli illeggibili. Oggi questo comportamento, definito “keyword stuffing”, viene penalizzato dal motore di ricerca.

Il mantra degli ultimi tempi è “Content is the king”, un’espressione usata da Bill Gates secondo la quale i testi sono cruciali per il successo di un sito web.

Quante volte ti è capitato di interrogare Google per risolvere un problema e non trovare la risposta adeguata? Credo tante!
Ecco, l’obiettivo del motore di ricerca è dare la migliore risposta alla domanda dell’utente.

Scrivi in modo naturale senza pensare alle keyword

Una delle domande che spesso ricevo da chi si avvicina alla scrittura in ottica SEO è: quante volte devo inserire la parola chiave nel testo? Ti sembrerà scontato ma non c’è una risposta precisa. Quello che ti posso dire è di usare la parola chiave in modo naturale senza farti prendere dalle paranoie: all’inizio, a metà e in fondo all’articolo. Poi cerca di usare sinonimi, plurali e termini correlati che ti suggerisce Google in fondo alla serp.

È chiaro che se scrivi un post di oltre 500 parole puoi offrire ai visitatori del sito web un contenuto di qualità e super approfondito avendo un bel margine per giocare con le parole chiave.

Pensa alla formattazione del testo

Anche la formattazione del testo è importante non tanto per la SEO quanto per rendere la lettura più fluida e lineare:

  • usa elenchi puntati o numerati
  • scrivi frasi brevi
  • separa il testo in paragrafi lasciando degli spazi bianchi per far riposare gli occhi
  • allinea il testo a bandiera cioè a sinistra perché è più leggibile
  • utilizza il grassetto per evidenziare i termini chiave del post.

Usa i tag heading

Per dare un’organizzazione gerarchica all’articolo e far capire a Google e agli utenti gli argomenti trattati puoi usare i tag heading che vanno dall’h1 all’h6.

Il tag h1 identifica il titolo e deve essere unico. A seguire ci sono i tag h2 che coincidono con i titoli dei paragrafi e poi gli h3 che rappresentano i sottotitoli dei paragrafi. I tag h4, h5 e h6 sono quelli meno utilizzati quindi ti consiglio al massimo di fermarti all’h3.

Cosa fare dopo aver scritto un articolo in chiave SEO

Dopo aver scritto il tuo articolo su Word è ora di caricarlo su WordPress e pubblicarlo. Fai attenzione al titolo, all’url che sia il più possibile breve e contenga la parola chiave, al tag title, alla meta description, alle immagini, ai link interni ed esterni. Tutti questi elementi possono migliorare la visibilità del post su Google.

Se vuoi approfondire ti consiglio di leggere questi post:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.